Richiedi un consulto!

Peeling brasiliano

Peeling Brasiliano: trattamento per distensione viso immediata

Il rallentamento del turn over cellulare,  tipico dell’invecchiamento, ha come conseguenza, oltre l’ispessimento dello strato corneo ( strato più superficiale dell’epidermide), anche la dislocazione disordinata  dei melanociti nello strato basale (strato più profondo), e un’irregolare distribuzione della melanina. La cute subisce, nel corso dell’invecchiamento, alterazioni anche nel sistema pigmentato. La melanina, artefice del colore della pelle sintetizzata dai melanociti, viene trasportata sottoforma di granuli (i melanosomi) e quindi trasferita nei cheratinociti circostanti (strato superiore della pelle).

Che cos’è il Peeling Brasiliano?

Il Peeling Brasiliano è un trattamento che stimola il turn-over cellulare e rallenta l’invecchiamento della pelle.

A che cosa serve?

Il peeling brasiliano è composto da tre acidi: salicilico, lattico e glicolico, che combinati, hanno permesso una rivoluzione per i peeling superficiali, medi e profondi e permette di ottenere da un effetto superficiale solo di leggera esfoliazione della pelle ad un effetto medio , fino a uno profondo che determina un rimodellamento del collagene a seconda del tempo che lo lasciamo sulla cute.

Come avviene il trattamento?

Il paziente viene struccato, si applica un pre-peeling a base di acido glicolico per alcuni minuti, si deterge e si passa poi all’applicazione del peeling brasiliano che agirà in pochi minuti, quindi si tampona con acqua. In seguito viene applicata una maschera con principi attivi per reidratare la pelle. Il paziente uscirà dallo studio medico privo di rossore, ma in compenso con una pelle più turgida, compatta, luminosa  e crea un effetto lifting in superficie.

Quanti trattamenti sono necessari?

Si consiglia di effettuare una seduta al mese.

Mantenimento

Una seduta al mese per mantenere attivo il turn over cellulare.

Risultato

▪  Tono, turgore e luminosità con un vero effetto lifting.

▪  Stimola in profondità i fibroblasti, quindi il collagene, con un vero e proprio    rallentamento dell’invecchiamento.