Richiedi un consulto!

La bellezza secondo noi – Viversani e belli 20/06/2019

La bellezza secondo noi

Ogni giorno suggeriscono le soluzioni migliori per eliminare i piccoli o i grandi difetti estetici, consigliano quali prodotti utilizzare per combattere l’invecchiamento ed elencano le regole da seguire per scolpire la silhouette. Ma i medici e chirurghi estetici che cosa fanno per prendersi cura di sè?

I medici estetici si raccontano
Quattro specialiste ci raccontano le loro abitudini di bellezza, quotidiana e non, e ci spiegano quali sono i loro segreti in fatto di cura del corpo e del viso.

Non rinuncio alla mia beauty routine

Dottoressa Magda Belmontesi, dermatologa a Vigevano e Milano, docente alla Scuola superiore postuniversitaria di medicina a indirizzo estetico Agorà di Milano.

Durante l’anno, ricorro sempre a integratori per bocca, che prendo a cicli. Amo quelli che contengono gli aminoacidi, precursori di collagene ed elastina, e quelli a base di vitamica C e glucosamina, che si trasformano in acido ialuronico.

Amo la mia pelle chiara e faccio il possibile per preservarla con una precisa routine di dermocosmesi quotidiana, che per me è fondamentale. Non avendo particolari problemi cutanei, per la detersione non ricorro a cosmetici specifici. 
Al mattino stendo su viso, collo, décolleté un siero antiossidante e una crema giorno idratante e anti-radicali liberi. Cambio texture e principi attivi in relazione alla stagione e alle mie esigenze. Di base, però, uso sempre prodotti che contengano vitamina C, vitamina E e acido ferulico, che sono potenti antiossidanti. Infine, non rinuncio a un contorno occhi specifico e a un fotoprotettore, in tutte le stagioni.
La sera, invece, preferisco un siero e una crema notte ad azione ristrutturante, per esempio a base di polidrossiacidi, che hanno una funzione nutriente e idratante. Evito gli esfolianti perchè non li tollero. Ogni giorno, utilizzo anche un idratante per il corpo.

Quali trattamenti?

Non mi piace espormi al sole e non faccio lampade, per cui la mia pelle non è molto segnata. Inoltre, grazie allo sport, sono abbastanza in forma. Ecco perchè non ho bisogno di grandi trattamenti. Mi limito a curare la zona glabellare con iniezioni di botulino e a utilizzare filler, a base di acido ialuronico Nasha stabilizzato, per idratare e compattare alcune parti del volto. Eseguo entrambe le procedure da sola, in genere un paio di volte l’anno.

Sono una fan della medicina rigenerativa

Dottoressa Elena Guarnieri, medico chirurgo, esperta in medicina e chirurgia estetica a Milano, Brescia, Cremona e Castelletto di Leno (BS).

Sono una grande amante del mare: credo nel potere della talassoterapia, per cui quando posso mi concedo bagni di mare prolungati per godere sei suoi benefici.

Sono convinta che non ci possa essere bellezza senza amore: chi si prende cura di sè e degli altri riesce a emanare una serenità che si traduce anche in un migliore aspetto esteriore. A rendermi bella è anche il mio lavoro: amo ciò che faccio e mi gratifica potermi occupare dei miei pazienti, dal punto di vista fisico e spesso anche psicologico.
Ovviamente non disdegno i trattamenti estetici, purchè garantiscano risultati naturali: non amo, infatti, gli eccessi. Credo che il compito di noi specialisti sia di prolungare la giovinezza, senza mai creare effetti troppo artificiali o innaturali. Ecco perchè credo molto nella medicina rigenerativa.

Quali trattamenti?

Utilizzo il plasma ricco di piastrine sia per rinforzare i miei capelli sia per ottenere una migliore compattezza e idratazione della pelle di viso, collo e décolleté. Talvolta, per aumentare il turgore del volto, lo abbino a biorivitalizzazione con i moderni polipeptidi, capaci di riparare il DNA cellulare.
Una volta all’anno mi sottopongo alla fleboterapia rigenerativa per controllare l’aspetto funzionale ed estetico del reticolo venoso delle gambe ed eliminare eventuali teleangectasie. Per le piccole adiposità localizzate, specie su fianchi e addome, non rinuncio all’intralipoterapia non chirurgica, che scioglie i cuscinetti in modo non invasivo.

Prediligo le cure soft per rimodellare

Dottoressa Michaela Cortellessa, medico chirurgo, esperta e consulente in medicina a indirizzo estetico a Brescia.

Una sferzata alle cellule.
Per il ringiovanimento di viso e décolleté, utilizzo la fotobiostimolazione che abbina l’energia luminosa di un’apparecchiatura a luce led a prodotti che si attivano proprio con la luce. Si tratta di un trattamento mininvasivo che stimola metabolismo e funzioni biologiche cellulari: regala risultati molto naturali, in linea con la mia idea di medicina estetica.
Recentemente, ho introdotto anche trattamenti con Hifu, ultrasuoni microfocalizzati di ultima generazione che agiscono a livello muscolare e cutaneo, contrastando i primi rilassamenti del profilo del viso.

Pur facendo questo lavoro, non sono una fanatica dei ritocchini. Considero quella estetica una medicina curativa e preventiva dell’invecchiamento, per cui non amo ricorrervi per fare stravolgimenti nè su di me nè sui miei pazienti. Credo che la bellezza nasca in primis dallo stile di vita e dalle piccole attenzioni quotidiane. Ecco perchè ogni sera mi dedico con cura alla detersione, che deve essere corretta ma non aggressiva, con latti detergenti, acque termali o micellari
Al termine, utilizzo sempre fluidi leviganti a base di alfaidrossiacidi per tenere stimolata e rinnovata la pelle e periodicamente sieri a base di vitamina C. Di giorno, invece, applico una crema idratante dotata di protezione solare, per proteggermi dal danno solare e dalla luce artificiale.

Quali trattamenti?

Nel corso dell’anno, eseguo regolarmente dei peeling esfolianti o biorivitalizzanti, per stimolare il rinnovamento cellulare e la produzione di collagene ed elastina. Apprezzo molto anche i trattamenti iniettivi biorimodellanti con acido ialuronico libero, che rendono la pelle più luminosa, idratata e compatta. Ogni tanto faccio un filler alle labbra, per mantenerle idratate.
Per il corpo opto per la carbossiterapia, che stimola la circolazione e combatte la cellulite, e ai massaggi linfodrenanti dell’estetista. Saltuariamente, faccio anche dei cicli di radiofrequenza.

Amo le tecniche di ringiovanimento

Dottoressa Dvora Ancona, medico chirurgo specialista in tecnologie rigenerative, medicina estetica e trattamenti di ringiovanimento senza chirurgia a Milano.

In passato, per eliminare la pancia, mi sono sottoposta a una procedura che raffredda in modo selettivo le cellule grasse, eliminandole.

Curare e curarmi fa parte della mia vita. Fin da piccola sapevo che avrei fatto il medico e che mi sarei occupata dei visi, anche se solo in un secondo momento ho capito che la mia strada non era la chirurgia, bensì la medicina. Sempre alla ricerca di nuove tecnologie, mi sono buttata nel mondo di “belle senza bisturi“.

Quali trattamenti?

Per il viso non potrei rinunciare alle microiniezioni di una sostanza a base di acido polilattico che stimola la produzione di collagene: senza modificare i lineamenti, restituisce spessore, sostegno e luminosità alla cute. Inoltre, ho provato da poco l’ultimissima novità in fatto di radiofrequenza monopolare, che permette di rimuovere il grasso dalle palpebre.
Per il corpo, scelgo i peeling con acido bifasico contenente sostanze in grado di biorivitalizzare, togliere le macchine e dare tensione ai tessuti. Per il volto, invece, la mia cura preferita è Agnes, una radiofrequenza monopolare che dona tono e tensione ai contorni di viso e mandibola ed elimina le rughe a marionetta.

Il più gettonato? Il botulino

Per gli italiani la bellezza è tutto fuorchè un elemento accessorio. Scendo il Codacons, infatti, solo lo scorso anno nel nostro Paese sono stati eseguiti circa 650mila trattamenti estetici non chirurgici. I più gettonati? Le iniezioni di tossina botuliniza, seguite da acido ialuronico, fille a lunga durata e laser depilazione.
Complessivamente, nel 2018 quasi un milione di nostri connazionali è ricorso a un “ritocchino” per migliorare il proprio aspetto.

La bellezza secondo noi – Viversani e belli 20/06/2019

Agnes: via il doppio mento senza bisturi!

Dalla Corea è arrivata una nuova tecnologia a radiofrequenza di nome Agnes in grado di sciogliere il grasso presente nel doppio mento e al tempo stesso permettere ai tessuti di riaccollarsi nell’area.
Agnes permette al paziente subito dopo il trattamento di ritornare alla vita quotidiana in quanto non lascia segni visibili nella zona trattata.